Reflusso Grastroesofageo (MRGE) nei neonati: quando preoccuparsi e come curarlo

Reflusso Grastroesofageo (MRGE) nei neonati: quando preoccuparsi e come curarlo

Reflusso Grastroesofageo (MRGE) nei neonati: quando preoccuparsi e come curarlo

Nel nostro precedente articolo abbiamo già parlato del reflusso fisiologico e abbiamo visto che i neonati presentano frequenti episodi di rigurgito o di vomito nell’arco del loro primo anno di vita (circa il 70% nei piccoli sotto i 6 mesi). Si tratta, infatti, di fenomeni fisiologici, che non causano particolare disagio al bebè.

La malattia da reflusso gastroesofageo nei neonati, invece, a seconda della serietà dei sintomi, può interferire in modo anche importante con la qualità di vita.

È bene distinguere quindi il fisiologico rigurgito (leggi l’articolo precedente vedere i sintomi) dalla vera e propria malattia da reflusso gastroesofageo, che è una condizione patologica in cui si presentano tutta una serie di sintomi dovuti al reflusso e ai frequenti episodi di vomito: infiammazione dell’esofago, broncospasmo, apnee e perdita di peso.

Vediamo come riconoscerla e cosa fare.

reflusso gastroesofageo rigurgito ruttino latte malattia rimedi farmaci mrge raccomandazioni operatori sanitari linee guida sintomi diagnosi terapia nice neonati pediatraReflusso Grastroesofageo (MRGE) nei neonati: quando

Attenzione: il Reflusso Gastroesofageo è diventato una malattia di moda?

Di reflusso gastroesofageo negli ultimi anni se ne parla molto e viene spesso diagnosticato e molto spesso curato anche nei casi in cui non ci troviamo dinanzi alla malattia vera e propria (MRGE), ma al mero rigurgito.

Ci vengono spiattellate diagnosi di RGE (reflusso gastroesofageo) e fornite cure terapeutiche anche per eventi del tutto naturali che colpiscono il 70% dei bambini sotto i 6 mesi.

Eppure, come afferma Vincenzo Calia (pediatra e giornalista) “fino a non molti anni fa nessuno l’aveva mai sentito nominare questo RGE (reflusso gastroesofageo), o meglio, lo chiamavamo semplicemente rigurgito e davamo per scontato che fosse un evento praticamente normale e fisiologico.

Dava fastidio, è vero, si sporcavano tanti bavaglini, ma, tutto sommato, si riusciva a sopportare finché non passava con la crescita e con l’aumento di consistenza degli alimenti”.

Il guaio è che la dimostrazione ecografica di un fenomeno comune (il rigurgito) si trasforma troppo spesso in una diagnosi di reflusso gastroesofageo (RGE).

E quando c’è una diagnosi, si sa, ci vuole per forza anche una terapia. E guarda caso, negli ultimi anni sono stati commercializzati alcuni farmaci, relativamente costosi, che agiscono sull’acidità del contenuto dello stomaco e dell’esofago. 

A pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca: secondo Calia, infatti, l’esplosione di diagnosi di RGE, clamorosa soprattutto negli USA, potrebbe essere un caso classico di disease mongering, o mercificazione della malattia, un’operazione di marketing finalizzata alla diffusione sul mercato di un farmaco: si inventa una malattia per poter vendere una medicina.

Soffrivano così tanto i bambini di una volta, quando questa diagnosi non veniva praticamente formulata quasi mai e meno che mai veniva fatta alcuna terapia, come oggi invece si fa spesso? Probabilmente no.

Il reflusso-rigurgito fisiologico si affrontava con la santa pazienza, cambiando il bavaglino e aspettando che passasse.

Ciò non fa che confondere le idee, soprattutto ai genitori, che spinti dall’amore per i propri figli e dall’empatia fanno di tutto pur di non far soffrire il proprio bambino.

Ma bisogna fare chiarezza una volta per tutte: il fisiologico e naturale reflusso (o RGE) non è una malattia. E’ un evento normale, frequente e del tutto innocuo per i nostri bambini, e si può combattere con alcuni accorgimenti senza necessità di farmaci (leggi qui quali)

Diverso il caso del MRGE, una vera patologia che deve essere curata e che può portare a dei seri danni per i piccoli.

Sintomi del Reflusso Gastroesofageo MRGE: come riconoscerli

Il reflusso gastroesofageo patologico (MRGE) può manifestarsi con vari sintomi che interessano gli apparati gastrointestinale e respiratorio e la salute generale del bambino.

Il piccolo appare sofferente, piange di continuo, può subire un calo di peso o mostrare comportamenti caratteristici (ruminazione, inarcamento del busto e del collo all’indietro). 

Talvolta, si manifestano anche sintomi allergici (come eczemi e orticaria). Nei casi più gravi, possono essere presenti tracce di sangue nel vomito (sintomo di esofagite) o verificarsi episodi di apnea o di ALTE (Apparent Life-Threatening Events, ovvero eventi che apparentemente mettono a rischio la vita), in cui il bimbo presenta apnee prolungate, crisi di pallore o cianosi, ipotonia.

In rari casi, infine, il bambino può ammalarsi di asma o polmonite da inalazione (quando il latte, che risale dallo stomaco, entra nella laringe, in trachea e, poi, arriva ai polmoni).

Le nuove Linee Guida del Nice e le raccomandazioni agli operatori sanitari

Anche il NICE, l’Istituto Nazionale inglese per la Salute e l’Eccellenza Clinica, è intervenuto sul tema e fornisce indicazioni precise per gli operatori sanitari, affinché rassicurino i genitori nel caso di episodi di rigurgito di cibo nel neonato, un fenomeno molto diffuso nei bambini piccoli (circa il 40% di essi sperimenta tale reflusso, il 70% nei primi 6 mesi).

Allo stesso tempo gli operatori sanitari devono stare attenti a sintomi significativi che possano suggerire la presenza di malattia da reflusso gastroesofageo o altri tipi di patologie.

In queste Linee Guida, in particolare, gli operatori sanitari sono invitati a illustrare alle famiglie la differenza tra rigurgito-reflusso e malattia da reflusso gastro-esofageo.

Infatti, nei neonati il reflusso è frequente (il 5% dei neonati presenta circa 6 o più episodi al giorno) e solitamente non richiede ulteriori approfondimenti e trattamenti, come spiega il NICE: questo fenomeno inizia di solito prima che il bambino abbia raggiunto le otto settimane di età e la sua frequenza diminuisce nel tempo (il 90% dei casi si risolve entro il primo anno di vita).

Può essere difficile effettuare una distinzione tra i ‘normali’ episodi di reflusso e la più seria patologia, ma queste nuove linee guida del NICE sosterranno i medici nel formulare una diagnosi corretta.  

In particolare, tra i sintomi definiti da ‘bandiera rossa’, ovvero ai quali prestare attenzione, il vomito frequente e forte; distensione addominale, dolorabilità o massa palpabile; diarrea cronica (che può suggerire la presenza di un’allergia alimentare); fontanella gonfia; aumento crescente e rapido della circonferenza della testa (1 centimetro a settimana); mal di testa mattutino persistente e peggioramento del vomito nella mattina. Si tratta di alcuni dei sintomi che suggeriscono ulteriori approfondimenti e/o trattamenti.
 
Le Linee Guida includono raccomandazioni riguardanti la terapia: non bisogna somministrare inibitori di pompa protonica o antagonisti del recettore H2 per trattare un rigurgito manifesto che ricorre come sintomo isolato; allo stesso modo non bisogna proporre terapia con metoclopramide, domperidone o eritromicina per trattare il disturbo da reflusso gastroesofageo senza opportuna indicazione dello specialista e tenendo conto dei potenziali effetti avversi di questi trattamenti.  
 
Le raccomandazioni includono anche alcune indicazioni relative all’alimentazione del neonato con frequente rigurgito associato a un marcato dolore. In particolare, secondo il NICE gli operatori sanitari dovrebbero riesaminare la storia alimentare del bambino, e poi ridurre il volume dell’alimentazione solo se essa è eccessiva per il peso del piccolo.

In seguito, come passo successivo, l’operatore sanitario dovrebbe proporre una prova con pasti contenenti quantità di cibo minori e più frequenti, a meno che i pasti non abbiano già queste caratteristiche: in tal caso, offrire una formula addensata, come ad esempio quella contenente amido di riso, amido di mais e/o altro.

Se questo approccio per gradini non ha successo, inoltre, l’operatore dovrebbe interrompere questa formula e procedere con una terapia di alginato per un periodo di prova di 1-2 settimane. Se la terapia ha successo, l’indicazione è quella di continuare, effettuando degli intervalli di pausa per vedere se il neonato non presenta più i sintomi.

Genitori preoccupati sì ma usiamo la ragione

Alla luce di quanto detto sopra e nel precedente articolo collegato possiamo dire che i bambini piangono, a volte si disperano, muovono le gambe, si irrigidiscono e tutto questo viene interpretato quasi sempre come dolore: ma da quando esiste il RGE, sempre più spesso la risposta a questi sintomi è una diagnosi (il più delle volte basata impropriamente su una ecografia) e quindi una terapia con farmaci specifici.

Teniamo in considerazione però che quasi certamente si tratterà del fisiologico rigurgito e che, se non vi sono uno o più episodi da “bandiera rossa” sopra elencati, è inutile e controproducente preoccuparsi o dare farmaci non necessari ai nostri piccoli.

Nell’arco di un anno gli episodi di rigurgito (RGE) scemeranno e saranno solo un lontano ricordo.

Immaginate il neonato come se fosse una bottiglia sempre piena, con un tappo che si chiude male, tenuta in posizione orizzontale: impossibile che dal collo non esca neppure una goccia…..

Se siete preoccupati parlatene con il vostro pediatra di fiducia e armatevi di tanta pazienza, amore, coccole e… tanti bavaglini super assorbenti !

reflusso gastroesofageo rigurgito ruttino latte malattia rimedi farmaci mrge raccomandazioni operatori sanitari linee guida sintomi diagnosi terapia nice neonati pediatra
BAVAGLINI SUPER ASSORBENTI –CLICCA QUI PER MAGGIORI DETTAGLI

Per rimanere sempre aggiornata su tutti gli articoli e consigli di Todogi, iscriviti alla nostra Newsletter compilando il form che trovi qui sotto! Subito per te una Carta Regalo di 5 € !! 

----------------------------------------------------------------------------------------------------------

Hai domande o dubbi, puoi commentare qui sotto.

Saremo Felicissimi di poterti aiutare :-)

 ---------------------------------------------------------------------------------------------------------

Se ti è piaciuto l'articolo condividilo su Facebook

Rimani sempre aggiornata sulle novità Todogi e conosci altre mamme, iscriviti al nostro gruppo Facebook cliccando sull'immagine qui sotto!

Lascia un commento

* Campi richiesti

Nota: i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati.